Mercato dei cereali

Nell’ultimo mese i prezzi della soia nazionale ed estera sono diminuiti rispetto ad aprile, mentre sono cresciute le quotazioni sul mercato statunitense e brasiliano. In aumento i prezzi di mais ed orzo.

Crefis, Centro ricerche economiche sulle filiere suinicole informa che in maggio, a Milano i prezzi del mais nazionale sono cresciuti su tutti i mercati considerati. Nello specifico, per il mais contratto 103 il valore medio raggiunto è stato di 383,0 euro/tonnellata, in aumento del +1,5% rispetto al mese precedente; la stessa variazione è stata osservata per il prodotto nazionale con caratteristiche, il cui dato è salito a 385,0 euro/tonnellata. In aumento anche il prezzo del mais di provenienza comunitaria (+2,3%, per un prezzo di 387,3 euro/tonnellata) e del prodotto francese, che si è fermato ad un valore di 373,8 euro/tonnellata (+5,1%). In aumento anche il mais statunitense, che è cresciuto del +4,6% rispetto al mese precedente, fermandosi ad un valore di 309,1 euro/tonnellata. Le variazioni tendenziali sono risultate positive per tutti i mercati considerati, con valori dal +33% al +42%.

Alla borsa merci di Milano, la soia nazionale è diminuita del -1,8% su base congiunturale, raggiungendo un valore di 688,3 euro/tonnellata. In diminuzione anche il prezzo della soia estera (-0,3% rispetto ad aprile), pari a 680,4 euro/tonnellata. In aumento, invece, il prezzo della soia statunitense (+0,9%), che ha raggiunto un prezzo di 618,5 euro/tonnellata (dato più elevato dal 2011), così come un rialzo ha interessato la soia brasiliana (+1,2%), salita a 599,2 euro/tonnellata. Le variazioni tendenziali restano tutte positive, ad eccezione della soia nazionale che rispetto a maggio 2021 ha fatto segnare un -2,3%.

Nell’ultimo mese, sul mercato nazionale, l’orzo nazionale pesante scambiato a Milano non è mai stato quotato, mentre il prezzo del prodotto di provenienza comunitaria è salito a 389,8 euro/tonnellata (+1,2% rispetto ad aprile), toccando così il dato più elevato da gennaio 2002. In aumento (+1,7%) anche il prezzo dell’orzo francese, che ha raggiunto un prezzo medio mensile di 393,4 euro/tonnellata. Positive le variazioni tendenziali rispettivamente pari a +60,1% e +78,3%.

Condividi