Il cambiamento climatico ridurrà la produzione totale di patate in Belgio, Paesi Bassi, Francia e Germania dal 7 all’11 % nonostante un aumento degli ettari

I coltivatori di patate dell’Europa nordoccidentale (NEPG) stimano che la produzione totale di patate nella zona NEPG ( Belgio, Paesi Bassi, Francia e Germania) sarà ridotta del 7-11 % . Il probabile ettaro finale della zona NEPG (UE-04) nel 2022 sarà di 510.938 ettari, con un aumento del 3,2% rispetto allo scorso anno e dell’1,7% rispetto alla media quinquennale. I coltivatori olandesi hanno piantato il 7,7 % ha di patate in più rispetto al 2021.

A seconda della crescita durante il resto della stagione, la produzione complessiva dovrebbe attestarsi tra i 20 ei 21 milioni di tonnellate. Dopo un’estate lunga e insolitamente secca e calda, la produzione di patate è stata ridotta in tutta la zona NEPG.

Le situazioni variano a seconda dei paesi e delle regioni, con gli agricoltori belgi e francesi più colpiti (circa una riduzione del 20% per gli agricoltori belgi). Gli olandesi sono stati molto meno colpiti, in particolare quelli a nord dei grandi fiumi dove sono state registrate più precipitazioni. Alcuni agricoltori non saranno in grado di consegnare i contratti previsti a causa delle basse rese.

L’estate 2022 sarà registrata come un anno difficile e molto costoso, non solo perché le rese per ettaro sono basse, ma anche perché i costi energetici e di irrigazione sono stati molto più elevati. Le ondate di caldo che abbiamo avuto durante l’estate comporteranno una serie di problemi di qualità e conservazione.

Ci sono segnalazioni di pesi sott’acqua troppo elevati (contenuto di sostanza secca), tuberi troppo piccoli e, ancora più preoccupante, un sollevamento della dormienza. Anche se la pioggia arriva a situazioni di terreno e condizioni di raccolta migliori, i lividi potrebbero essere un problema durante il sollevamento.

La germinazione precoce nei depositi renderà anche la prossima stagione di stoccaggio difficile e più costosa. La perdita di peso e i livelli di spreco (dovuti tra l’altro a lividi) saranno probabilmente più alti.

A differenza del 2018-19, quando le patate potrebbero essere introdotte da altre parti d’Europa (vale a dire principalmente dalla Polonia), in questa stagione nessuna patata proverrà da altre parti, mentre il fabbisogno del trasformatore è fortemente aumentato negli ultimi anni.

Gli attuali prezzi dei contratti per la stagione 2022-2023 sono stati firmati all’inizio dell’anno, i loro prezzi erano accettabili, ma dopo l’inizio della guerra e durante tutti gli ultimi 6 mesi, i costi di produzione sono aumentati notevolmente. I prezzi contrattuali effettivi non coprono i costi aggiuntivi che gli agricoltori hanno dovuto affrontare e dovranno affrontare nelle prossime settimane e mesi.

Con il mercato libero di acquisto stabile a 25 Euro/100 kg (circa 25,2 USD/100 kg) e le future quotazioni di mercato per aprile 2023 non molto più alte, gli agricoltori sono molto preoccupati per il loro reddito da patate. L’aumento dei costi dovrebbe essere condiviso dall’intera filiera delle patate.

Con costi molto più elevati (elettricità, diesel, fertilizzanti…) e maggiori rischi legati ai cambiamenti climatici e alla guerra in Ucraina, alcuni coltivatori di patate si chiedono cosa piantare o seminare nella primavera del 2023. Senza garanzie da parte degli acquirenti, i produttori di patate potrebbero decidere di piantare o seminare più colture alternative.

Condividi