A Fieragricola il salone del digital farming per un’agricoltura smart e sostenibile

Droni, satelliti, sensori per la rilevazione dell’umidità, per calcolare il fabbisogno di fertilizzante organico nel terreno, strumenti di IoT, mappe a infrarossi per conoscere le rese in campo, ma anche strumenti per la blockchain e “raccontare” con precisione tutti i passaggi della filiera. L’agricoltura del futuro è sempre più “smart”, autonoma, in grado di fornire elementi utili alle imprese agricole e agli operatori del settore. L’appuntamento è nel Salone dell’agricoltura digitale, al padiglione 12 di Veronafiere, dove tra pochi giorni (dal 2 al 5 marzo) andrà in scena la 115a Fieragricola, rassegna internazionale dedicata all’agricoltura.

Il settore del digital farming è in costante crescita (oltre 540 milioni di euro nel 2020, con una crescita del 20% sul 2019, secondo l’Osservatorio Smart Agrifood del Politecnico di Milano) e consente al settore primario di operare secondo i canoni dell’agricoltura di precisione, riducendo gli sprechi, le emissioni, migliorando la produttività e favorendo l’utilizzo intelligente delle risorse, dalle sementi agli agrofarmaci, dai mezzi tecnici fino al carburante o alla manodopera stessa.

Fieragricola scommette sull’Agricoltura 4.0 quale strumento per migliorare la vitalità delle imprese, favorire redditività e competitività, trasparenza delle filiere e una più completa certificazione dei processi di produzione e dei prodotti finali.
Il padiglione 12, in particolare, ospiterà soluzioni per l’irrigazione smart, rilevatori per l’agricoltura digitale, sensori e strumentazioni in grado di raccogliere ed elaborare big data utili per l’agricoltura in campo e la zootecnia, tanto nel convenzionale quanto nel biologico.

Numerosi i convegni dedicati all’Agricoltura 4.0 e al digitale, strumenti fondamentali per una transizione in cui le nuove tecnologie sono sostenute attraverso specifici incentivi della Politica agricola comune e del Piano nazionale di ripresa e resilienza (Pnrr), con 500 milioni dedicati all’innovazione e meccanizzazione dell’agricoltura e agroindustria, oltre ai capitoli sui progetti faro di economia circolare (600 milioni di euro) e al piano logistico agrifood (800 milioni).

È particolarmente nutrito l’elenco dei convegni e degli approfondimenti dedicati a un settore in rapida crescita. Tra questi, “5G e agricoltura: come rivoluzionerà Precision Farming e Automatizzazione”, organizzato da X-Farm (mercoledì 2 marzo, ore 11, Area Forum Digital Farming, padiglione 12); “Sostenibilità economica e ambientale nei processi di filiera. L’innovazione e la tecnologia a servizio di una nuova agricoltura”, a cura di IoAgri (mercoledì 2, ore 12:30, Area Forum Digital Farming, padiglione 12); “Sistemi di monitoraggio e controllo IoT per l’agricoltura digitale”, a cura di Netsens (giovedì 3 marzo, ore 9:30, Area Forum Digital Farming, padiglione 12); “Innovare senza dimenticare la tradizione: il digitale a servizio di agricoltura e sostenibilità” di Agricolus (giovedì 3 marzo, ore 11); “La nuova soluzione di smart agriculture dedicata al settore vitivinicolo nata dalla partnership tra Abaco e Perleuve”, in programma giovedì 3 marzo alle ore 12:30; “La gestione dei registri di campo con Quaderno di Campagna, tra aggiornamenti normativi e transizione digitale”, a cura di Image Line, in calendario giovedì 3 marzo alle 14:30 (Area Forum Digital Farming, padiglione 12); “SolAqua: irrigazione solare accessibile, affidabile, conveniente per l’Europa e oltre”, a cura di SolAqua (ore 15:30); “Let’s fly agriculture: nuove frontiere di innovazione in agricoltura con l’uso di droni robot agricoli”, a cura di Xagrifly (ore 16); “Tecnica di lotta biologica con l’uso di droni”, a cura di Scaligera Drone Solutions (venerdì 4 marzo, ore 9:30, Area Forum Digital Farming, padiglione 12); “Soluzioni intelligenti per un’agricoltura digitale consapevole e diffusa” (venerdì 4 ore 11) a cura di CNR e Barilla Group; “Exponential Farming = Tradizione + Tecnologia”, a cura di Ono Exponential Farming (ore 12:30, Area Forum Digital Farming, padiglione 12); “Smart data in vigneto: progetti e soluzioni a supporto della filiera vitivinicola”, a cura di Image Line (ore 14:30, Sala Puccini).

Condividi