McCormick X7 Short Wheelbase porta in Eima potenza, comfort e versatilità

Le grandi novità di McCormick in vetrina ad Eima International, in programma a Bologna dal 19 al 23 ottobre, riguardano la gamma X7 nelle nuove versioni Short Wheelbase (SWB) che confermano e rinnovano le qualità di performance, tecnologia, design, comfort ed efficienza, che sono un must per il marchio del gruppo Argo Tractors.

La gamma X7 SWB si presenta a Bologna con i nuovi motori emissionati Stage V grazie al sistema di trattamento dei gas di scarico HI-eSCR2 (DOC+SCRoF). I trattori montano i nuovi propulsori FTP NEF 45, 16 valvole da 4,5 litri 4 cilindri e FTP NEF 67, 24 valvole da 6,7 litri per i 6 cilindri, con Turbo Intercooler ed iniezione elettronica Common Rail.

I modelli della gamma sono: X7.4 P6-Drive disponibile nelle versioni X7.417 da 165cv e l’X7.418 che arriva fino a 175cv; X7.6 P6-Drive, proposto nelle versioni X7.617 (da 165cv) e X7.618 (da 175cv) con 6 cilindri; X7 VT-Drive a 4 o 6 cilindri, a disposizione come X7.418 e X7.618, entrambi capaci di sprigionare fino a 175cv grazie al sistema Power Plus.

La parte innovativa dei motori risiede nella strategia di iniezione di carburante, che porta ad un aumento della reattività, garantendo una diminuzione dei consumi e un miglioramento delle emissioni in ogni forma di movimento. L’installazione dei propulsori è studiata per avere un passo di 2.651mm per il 4 cilindri, offrendo maggiore stabilità durante le operazioni in campo e con caricatore frontale, ma mantenendo inalterata manovrabilità e versatilità. Per il 6 cilindri, invece, il passo si assesta sui 2.760mm. Comuni ad entrambi gli allestimenti il peso massimo ammissibile di 11.500kg e la ruota massima posteriore 710/60R38 capace di offrire maggior stabilità e comfort durante il trasporto, minore compattazione del suolo nelle operazioni sul campo e migliore trazione e prestazioni in aratura fuori solco.

Dal punto di vista stilistico sono state apportate modifiche al sollevatore anteriore da 3.500kg di portata, che migliora il design e la visibilità dell’operatore. Sempre nella parte anteriore del trattore, nuovo è il cofano, monoblocco, in linea con il nuovo family feeling McCormick con un angolo di apertura di 90° che permette un accesso migliore e più immediato, anche per gli interventi di manutenzione. In dotazione anche il sistema Cooling Matrix, che facilita l’accesso ai radiatori per una pulizia più agevole, tanto da distinguersi quale soluzione al vertice nella propria categoria. La cabina derivata dalla gamma alta propone il tetto con 12 fari Led che permettono una visibilità a 360° anche in notturna.

McCormick X7 SWB include in base il sistema Engine Brake con l’intento di favorire una maggiore efficienza: grazie all’utilizzo della valvola a farfalla del turbocompressore, l’operatore può ridurre il numero di giri motore attivando il freno motore in combinazione con i freni posteriori.

Le trasmissioni disponibili sono due: VT-Drive (per le potenze maggiori) e P6-Drive (per tutte e quattro le potenze in gamma). VT-Drive, a variazione continua, a 4 stadi e con 4 set di ingranaggi planetari con frizioni a bagno d’olio garantisce una reattività di primordine. Con velocità che vanno da un minimo di 0,04 km/h a un massimo di 50 km/hfavorisce la produttività in ogni contesto di lavoro. A comandare la trasmissione il joystick VT-EasyPilot sul bracciolo multifunzione.

La trasmissione P6-Drive è invece caratterizzata da 6 marce Powershift sotto carico, 5 gamme robotizzate ed inversore elettroidraulico a volante. Le marce totali sono 30 AV + 15 RM che diventano, con il Super Riduttore, 54 AV + 27 RM. Il cambio viene comandato tramite il joystick EasyPilot semplice ed ergonomico. Il sistema Stop & Actionintegra il De-Clutch nel pedale dei freni, consentendo di arrestare il trattore senza premere la frizione per agevolare la guida nei trasferimenti su strada. L’uso simultaneo dei sistemi Stop & Action ed APS (Auto Poweshift) consente alla trasmissione P6-Drive una guida del tutto simile a quella VT-Drive.

La presa di forza a 4 velocità ed i riduttori posteriori rinforzati permettono di trasmettere appieno tutta la potenza, con un innesto modulabile ed inserimento e disinserimento automatico della PTO.

L’impianto idraulico è a centro chiuso con pompa da 123 lt/min (in opzione è disponibile una pompa maggiorata da 160 lt/min) e può gestire fino a otto distributori. Il sollevatore posteriore elettronico garantisce una capacità massima di sollevamento di 9.300 kg.

La cura per il comfort dell’operatore si conferma best in class per la guida sia su campo sia su strada, grazie al sistema opzionale di sospensione a bracci indipendenti dell’assale anteriore che, per mezzo del controllo elettronico, assorbe le sollecitazioni e le asperità in modo autonomo su ciascuna ruota. In campo il meccanismo migliora notevolmente la trazione e la maneggevolezza, mentre su strada si ottimizzano velocità, sicurezza e comfort. L’utilizzo di materiali di alta qualità e l’eccellente livello di ergonomia dei comandi in cabina, rendono l’area di guida ideale per trascorrere intere giornate di lavoro senza stress. Due inoltre le opzioni disponibili di sospensione cabina: meccanica o tramite sistema semi-attivo a controllo elettronico.

Il software di comando caricato sul Data Screen Management (monitor touch da 12”) beneficia di un menu che permette un’operatività veloce e performante grazie alla memorizzazione delle attività con i pulsanti programmabili (MyFunctions) per la personalizzazione dei comandi del trattore.

Confermate le predisposizioni alla guida satellitare e al sistema ISOBUS che, attraverso il semplice utilizzo del DSM permette all’operatore di gestire gli attrezzi senza ricorrere ad altri monitor in cabina.

Il sistema McCormick Fleet Management consente di monitorare le principali attività della flotta trattori in qualsiasi momento e in qualunque parte del mondo. Grazie a protocolli IoT (Internet of Things), via pc o dispositivo mobile, vengono rese disponibili tutte le informazioni sull’attività della flotta quali geolocalizzazione, consumi, livelli, temperature e sessioni di lavoro. Questo permette di controllare lo stato operativo dei trattori e di mantenerne costantemente sotto controllo l’efficienza.

A questo sistema si affianca poi un innovativo strumento di diagnostica da remoto messo a disposizione di tutti i concessionari autorizzati per connettere il software alla centralina del trattore ed eseguire a distanza regolazioni, aggiornamenti di programmi, diagnosi dei parametri del motore e visualizzazioni dei codici di sistema, supportando con immediatezza e precisione i tecnici preposti all’assistenza ed aumentando efficienza e redditività gestionali.

 

McCormick X8 VT-Drive Stage V

La gamma McCormick X8 si declina in 3 modelli con potenze di 264, 286 e 310 cavalli, erogate da motori 6 cilindri Betapower Fuel Efficiency da 6,7 litri, dotati di turbocompressore a geometria variabile a controllo elettronico eVGTe sistema di post-trattamento dei gas di scarico SCR, rispondendo pienamente alla normativa Stage V.

Punto di forza di X8 VT-Drive è la trasmissione a variazione continua a quattro stadi con velocità di 40km/h ECO a 1.300 giri/min motore e 50km/h ECO a 1.600 giri/min.

Per la gestione efficiente delle attrezzature si trova in equipaggiamento di serie il sistema certificato ISOBUS con un menù dedicato incluso nel monitor DSM touchscreen da 12”.

L’impianto idraulico è a centro chiuso con pompa load sensing da 157 lt/min (in opzione è disponibile una pompa maggiorata da 212 lt/min) e può gestire fino a dieci distributori (6 posteriori) da 140 lt/min di portata a comando elettro-idraulico. A questi si aggiunge un divisore di flusso a 3 vie capace di gestire tre movimentazioni idrauliche utilizzando un solo distributore idraulico. Il sollevatore posteriore elettronico garantisce una capacità massima di sollevamento di 12.000 kg.

La PdF (presa di forza) posteriore ad innesto elettroidraulico offre di serie le tre velocità 540E/1000E/1000.  Di serie anche il sollevatore anteriore con capacità di sollevamento di 5.000 kg con Presa di Forza anteriore (a richiesta) da 1000rpm.

L’assale anteriore è dotato di un sistema di sospensione a parallelogramma a controllo elettronico e dispone di freni a disco in bagno d’olio per garantire massima sicurezza e comfort di guida.

Peso massimo ammissibile di 16.000 kg, passo di 3.000mm e combinazione ruote posteriori disponibili fino alle 900/60R42.

Première Cab, grazie alla struttura a 4 montanti offre una visibilità panoramica in ogni direzione. Inoltre, l’ottimo livello di insonorizzazione, fino a 70 dB, assicura un ambiente di lavoro di grande comfort. Il sedile istruttore è a scomparsa totale, per una accessibilità perfetta. Gl’interni sono di qualità automobilistica e volante e cruscotto sono regolabili in inclinazione e profondità. Il sedile operatore dispone di sospensione pneumatica dinamica, con regolazione automatica dell’altezza e schienale dotato sia di riscaldamento che di ventilazione. Il bracciolo destro raggruppa tutti i comandi principali ed il joystick multifunzione VT-EasyPilot ha una impugnatura ergonomica e funzioni chiare.

12 i fari LED collocati sul tetto, per una visibilità insuperabile anche in notturna.

Alloggiato sul tetto, l’efficiente sistema di climatizzazione automatica assicura un’ottima distribuzione dell’aria trattata in ogni condizione.

 

 

McCormick X5 Stage V

La nuova gamma X5 Stage V è disponibile in tre modelli X5.100, X5.110 e X5.120 con potenze massime rispettivamente di 95, 102 e 115 CV. A questi si aggiungono altre due proposte in versione alta luce: X5.100 HC e X5.110 HC, particolarmente adatte per l’orticoltura.

Gli allestimenti sono Premium, per la totale soddisfazione delle esigenze del cliente ed Efficient, caratterizzato da specifiche entry-level e competitive.

Nuovo il design, più accattivante, che mantiene inalterate le dimensioni compatte con un maggiore comfort e una migliore visuale per l’operatore.

La nuova motorizzazione risponde ai requisiti Stage V grazie ai propulsori FPT F36, a 4 cilindri e 16 valvole, 3.6 litri, Turbo Intercooler con iniezione elettronica Common Rail che sfruttano la tecnologia EGR/DOC/DPF/SCR.

Le condizioni di guida dell’operatore migliorano adottando l’opzione dell’assale anteriore sospeso che, abbinato alla nuova cabina sospesa meccanicamente, affronta al meglio le irregolarità del terreno.

Otto sono le possibili configurazioni di trasmissione, dalla 12+12 con inversore meccanico alla soluzione Reverse Power Shuttle 48+16 inclusiva di HML e Superriduttore e dotabile anche di Park Lock.

L’impianto idraulico offre fino ad 82l/min e 6 distributori idraulici di cui 3 a controllo meccanico, 1 elettrico e, in opzione, 2 ventrali per sollevatore anteriore e caricatore frontale tra loro abbinabili. Il selettore di flusso, opzionale, permette di gestire fino a 7 utenze idrauliche.

I sollevatori disponibili sono di tipo meccanico, con sistema ELS (Ergonomic Lift System) ed elettronico. Lo stesso sollevatore elettronico è dotato della funzione di compensazione al beccheggio dell’attrezzatura nel trasporto su strada; la capacità di sollevamento dell’attacco a tre punti di categoria 2 è di ben 4500 kg.

La PdF viene inserita gradualmente dalla frizione a comando idraulico e dispone di 2 o 4 velocità. Con il sollevatore elettronico è disponibile la funzione Auto PTO, che inserisce e disinserisce la presa di forza quando si aziona il sollevatore nelle manovre a fine campo.

Il nuovo Joystick in cabina può gestire diversi comandi del caricatore (alto/basso, carico/scarico; terza e quarta funzione) oltre ad Hi-Lo e HML della trasmissione. In tema di caricatore frontale si segnala il telaio ideato per non ridurre la luce libera da terra e per mantenere inalterato il raggio di sterzata.

Il sistema telematico McCormick Fleet Management permette di controllare in remoto la flotta trattori per gestire al meglio tutte le attività che impegnano trattori e attrezzature, massimizzandone efficienza e rendimenti e minimizzando i costi gestionali, con la possibilità di effettuare diagnostica da remoto.

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

Argo Tractors Spa, multinazionale del Gruppo industriale Argo, con sede a Fabbrico (RE), progetta, produce e distribuisce trattori a marchio Landini, McCormick e Valpadana.

Con la centralità dell’uomo nella mission, Argo Tractors si pone il duplice scopo di rendere più sicuro e confortevole il lavoro di chi opera nei campi e di chi, ogni giorno in fabbrica, si dedica con passione al costante miglioramento dell’efficienza e delle performances dei trattori prodotti. 

La continua innovazione di prodotto e la capacità di rispondere a tutte le esigenze del cliente hanno proiettato Argo Tractors tra i leader mondiali della meccanizzazione agricola, mantenendo l’Italia e il made in Italy come asset centrale, ma aprendosi al mercato globale. Un fatturato consolidato di 500 milioni di euro, 1.600 dipendenti, 5 stabilimenti, 22.000 trattori l’anno di capacità produttiva, 8 filiali commerciali nel mondo, 130 importatori esteri e 2500 concessionarie sono i numeri che registrano la crescita e il rafforzamento del gruppo industriale.

 

Per maggiori informazioni:

Antonio Salvaterra

Responsabile Marketing

Argo Tractors S.p.A.
e-mail: antonio.salvaterra@argotractors.com

 

Ufficio Stampa

Argo Tractors S.p.A.
e-mail: press@argotractors.com

347 5339022 – 335 8377180

Condividi