I ministri dell’Agricoltura dell’UE, riuniti a Lussemburgo il 17 e 18  ottobre

I ministri dell’Agricoltura dell’UE, riuniti a Lussemburgo il 17 e 18  ottobre, hanno  discusso dell’attuale situazione dei mercati agricoli alla luce della guerra russa contro l’Ucraina.mL’invasione russa dell’Ucraina ha notevolmente disturbato i mercati agricoli globali. La conseguente incertezza è stata ulteriormente aggravata dalla crisi energetica determinata dall’interruzione delle forniture di gas dalla Russia. I prezzi dei principali prodotti agricoli e fattori di produzione sono aumentati in modo significativo. Nonostante lo sblocco parziale dei porti ucraini, gli esiti positivi delle corsie di solidarietà e il conseguente calo relativo dei prezzi generali dei cereali durante l’estate, i ministri dell’agricoltura hanno espresso preoccupazione per l’alto grado di imprevedibilità riguardo ai volumi di possibili future esportazioni agricole dall’Ucraina, nonché come capacità di archiviazione.
I ministri hanno inoltre sottolineato che gli agricoltori dell’UE continuano a dover affrontare numerose sfide, tra cui l’aumento dei prezzi dell’energia e dei fertilizzanti, le condizioni meteorologiche avverse, l’inflazione dei prezzi dei prodotti alimentari e l’impatto delle importazioni dall’Ucraina sui loro mercati.
I ministri hanno evidenziato in particolare la questione significativa delle disposizioni in materia di fertilizzanti a prezzi accessibili nel settore agricolo, che sta colpendo sia gli agricoltori che i produttori di fertilizzanti e sta portando a un calo della produttività.
Zdeněk Nekula, ministro dell’agricoltura ceco, presidente di turno ha affermato che “l’aggressione russa in Ucraina ha portato a una diminuzione dell’offerta di fertilizzanti provocando un aumento dei prezzi. Ciò riguarda tutti gli agricoltori europei e potrebbe mettere a repentaglio il raccolto futuro, non solo in Europa. Ecco perché abbiamo convenuto che sono necessarie ulteriori misure per garantire che i fertilizzanti ei prodotti agricoli e alimentari finali rimangano accessibili”.
Di conseguenza, i ministri hanno chiesto ulteriori misure dell’UE, compresa l’estensione degli aiuti di Stato e la necessità di un massimale più elevato. I ministri hanno inoltre accolto con favore l’annuncio della Commissione di pubblicare una comunicazione sui fertilizzanti.
Alla luce della guerra russa contro l’Ucraina, i ministri dell’agricoltura hanno avuto uno scambio di opinioni sull’impatto della guerra sul commercio di prodotti agricoli e fattori produttivi dell’UE e sul suo impatto sulla sicurezza alimentare. I ministri dell’Agricoltura hanno inoltre scambiato opinioni in merito ai negoziati commerciali in corso con paesi terzi, tra cui Mercosur e Australia. Al riguardo, i ministri hanno sottolineato la necessità di continuare a promuovere il libero scambio e l’agricoltura sostenibile nell’UE e nel mondo, nonché di salvaguardare la competitività del settore agricolo dell’UE e dei suoi produttori. I ministri hanno inoltre sottolineato la necessità che la Commissione esamini l’impatto degli accordi di libero scambio tra paesi terzi sull’UE.
I ministri hanno discusso dell’importanza di una stretta cooperazione tra gli Stati membri durante la preparazione del quadro dell’UE per il monitoraggio delle foreste ei piani strategici. Sono stati inoltre informati della dichiarazione congiunta sulle iniziative dell’UE per l’agricoltura del carbonio firmata dai ministri dell’agricoltura dei paesi del Gruppo di Visegrad, nonché da Bulgaria, Croazia, Romania e Slovenia. I ministri hanno inoltre sostenuto la necessità di porre fine a tutta l’UE all’uccisione sistematica dei pulcini maschi, nonché l’importanza di affrontare i vincoli di cofinanziamento dei programmi fitosanitari e veterinari. Hanno anche discusso la possibilità di utilizzare i prodotti RENURE (azoto recuperato dal letame), in alternativa ai fertilizzanti chimici, nonché la questione dei mangimi proteici organici provenienti dall’Ucraina.
Gli Stati membri hanno approvato le conclusioni del Consiglio che contribuiscono a rafforzare la sicurezza delle risorse TIC dell’UE in risposta alle attuali circostanze geopolitiche, alla natura dannosa degli attacchi informatici alla catena di approvvigionamento e alla dipendenza sempre crescente della nostra società dalle tecnologie digitali. Il testo mira a rafforzare la sicurezza della catena di approvvigionamento ICT e costituisce un primo passo per affrontare le minacce di dipendenze strategiche indesiderate nelle catene di approvvigionamento ICT.
Il Consiglio ha approvato regole per promuovere una più equilibrata rappresentanza di genere nei consigli di amministrazione delle società quotate. Entro il 2026 almeno il 40% degli incarichi di amministratore non esecutivo di società quotate dovrebbe essere ricoperto da membri del sesso sottorappresentato. L’obiettivo sarebbe del 33% se gli Stati membri scegliessero di applicare le nuove regole sia agli amministratori esecutivi che a quelli non esecutivi.
Il Consiglio approva la legge dell’UE per migliorare l’equilibrio di genere nei consigli di amministrazione delle società e hanno fornito orientamenti alla Commissione sulle questioni agricole legate al commercio.

Condividi