Patata di Bologna D.O.P.

Originaria di un territorio dalla grande tradizione pataticola, la Patata di Bologna D.O.P. è considerata un prodotto d’eccellenza e di altissima qualità.
La Patata di Bologna D.O.P. è la prima patata italiana insignita della Denominazione d’Origine Protetta, riconoscimento ottenuto nel 2012. La varietà Primura si è imposta per le sue qualità organolettiche e l’idoneità a tutti gli usi. Dalla forma allungata, la Primura ha una buccia liscia, di colore chiaro, occhi pronunciati e una polpa di media consistenza di colore giallo paglierino.
Intorno al 1955 si affermò nel territorio bolognese la varietà Primura, unica in Europa, la cui tipicità deriva da fattori quali il suolo, il microclima, la capacità produttiva legata all’innovazione e alla tradizione. La Patata di Bologna D.O.P. è costituita unicamente dalla varietà Primura.
Il Consorzio di Tutela Patata di Bologna D.O.P., che può associare solo produttori e confezionatori iscritti al piano dei controlli, comprende i produttori agricoli rappresentati dall’Organizzazione di Produttori ASSOPA, 3 cooperative e 6 commercianti privati: questi si sono uniti per tutelare la qualità, la storicità, l’appartenenza al territorio di questa varietà tanto eclettica in cucina quanto importante per l’economia del comprensorio bolognese. Del resto, la Patata di Bologna D.O.P. viene unicamente coltivata e confezionata in Provincia di Bologna e assimila tutto il legame tra produttori, territorio, gusto e tradizione.
Una varietà eccellente perché viene coltivata in un ambiente ottimale da agricoltori che operano avendo in comune, oltre che un Disciplinare di Produzione, anche il grande obiettivo di soddisfare il consumatore coltivando un prodotto genuino, buono, dalla provenienza certificata a lotta integrata.
Il gusto unico della Patata di Bologna D.O.P. riporta tutti noi al sapore vero e ormai dimenticato della patata. Si presta perfettamente a numerose preparazioni ed è ideale per tutti gli usi in cucina: bollita in insalata, schiacciata per farne un ottimo purè o gnocchi gustosi, oppure al forno.

Condividi