Douja d’Or 2022. Il vino sempre al centro. Dal 9 al 18 settembre ad Asti

Al via la 56ª edizione della Douja d’Or che, dal 9 al 18 settembre, riempirà le vie, le piazze e i palazzi del centro storico di Asti. Una non-stop di 10 giorni che riprende lo schema diffuso collaudato nella scorsa edizione proponendo una formula capace di offrire al pubblico di astigiani e turistinumerose e imperdibili esperienze legate al vino. Una manifestazione storica e molto attesa che si inserisce nel calendario del tradizionale settembre astigiano. Saranno giorni intensi e ricchi di eventi con un programma più lungo nei due weekend (10 e 11, 17 e 18 settembre) e concentrato nelle sere (dalle ore 18:00) dei giorni infrasettimanali.

 Il vino resta saldamente al centro: talk, degustazioni, masterclass, incontri, letture, spettacoli e cene ne racconteranno tutte le sfumature offrendo a turisti, addetti ai lavori ed appassionati spunti di conoscenza e di approfondimento.

Due nuove location si aggiungono alla mappa della Douja d’Or: la Camera di Commercio di Alessandria-Asti e il Comune di Asti.

La Camera di Commercio di Alessandria-Asti, all’interno di Palazzo Borello di Piazza Medici, alla presenza delle autorità e dei protagonisti della kermesse, ospita l’inaugurazione della Douja d’Or con l’incontro “Dall’agricoltura all’industria e dai servizi a turismo: dibattito sulla filiera allargata del vino”.

Dopo il taglio del nastro, i festeggiamenti sono proseguiti con la musica dei Bandakadabra l’orchestra definita “fanfa Urbana” da Carlo Petrini, un gruppo di fiati e percussioni per rioempire le strade di Asti di note, divertimento e allegria.

Il 13 settembre l’appuntamento è ancora in Camera di Commercio Alessandria-asti con “La magia del vino”, un aperitivo con Marco Berry, presentatore, artista, mago, appassionato di cucina e di vino e l’imprenditore Guido Martinetti. Alle 18,30 del 15 settembre Marco Lombardi, autore, conduttore tv e creatore della Cinegustologia, presenta Vino Ciak si gira” conducendo il pubblico in un percorso alla scoperta dei vitigni della Douja associati a film e generi cinematografici. La Camera di Commercio è anche la location scelta per le masterclass organizzate da Piemonte Land of Wine con il supporto di AIS Piemonte, percorsi di avvicinamento a vini e territori guidati da sommelier professionisti.

Il Comune di Asti, in Piazza San Secondo, è sede dell’Enoteca della Douja a cura di Piemonte Land of Wine che, anche quest’anno, con migliaia di bottiglie e oltre 500 etichette, si trasforma, per 10 giorni, la più grande enoteca di vini del Piemonte di tutta Italia. Un sommelier, sempre a disposizione, consiglierà il pubblico nella scelta e fornirà informazioni utili sulle uve coltivate nei territori patrimonio dell’UNESCO.

Grande novità di quest’anno sarà il Douja Wine Truck posizionato in Piazza Roma sabato 10 settembre. Per tutta la giornata il furgone ospiterà un fitto programma di appuntamenti per grandi e bambini: si comincia alle 10 con la colazione con Del Trotti Alta Pasticceria “Dolce Vita” Costigliole d’Asti; alle 11 tavola rotonda “Attorno al Ruchè”, appuntamento gratuito con il viticoltore Aldo Tessitore ed il produttore Stefano Scassa che si raccontano e propongono degustazioni. Dalle 12.30 la Douja va in onda nel programma radiofonico condotto da Marco Fedele “ApparecchiaTO” con interviste, wine news, ospiti e musica. Alle 15 “Il Bosco nel Piatto”, laboratorio creativo per bambini dai 6 ai 10 anni con Angela Anna Ventruti di “Cucina&Dintorni, un gioco pratico per realizzare una merenda creativa ispirata al bosco. Alle ore 17 Marco Fedele e Danilo Poggio conducono “Per un Pugno di Vite”, un talk con i Consorzi che si raccontano e presentano i loro programmi. Alle ore 18 “Merendouja” con il Consorzio del Barbera e dei Vini del Monferrato insieme al Politecnico di Torino che insieme presentano: “la tecnologia dell’informazione per conoscere e contrastare gli effetti del cambiamento climatico” con la partecipazione del Prof. Daniele Trinchero e dell’agronomo Daniele Eberle. Alle ore 19 Douja Dj Set by ToRadio fino alle 21 quando il quartetto acustico “Pablo y Luna” si esibirà in un live dalle sonorità francesi di metà ‘900. Alle ore 22 “Grappa nello shaker”, con cocktail alla grappa a cura de Il Confessionale Wine Bar e del Consorzio Tutela Grappa del Piemonte e Grappa di Barolo. Si chiude alle 23.30 con le “Letture di Buona Vite” di Marco Fedele.

Piazza San Secondo, con lo stand di Piemonte Land of Wine – che rappresenta oggi tutti i 14 Consorzi del vino ufficialmente riconosciuti dal Ministero dell’Agricoltura e promuove gli oltre 44.000 ettari di vigneto piemontesi, con 18 Docg e 41 Doc regionali – è il centro ideale di un percorso che si snoda tra le vie, le piazze ed i palazzi storici di Asti alla scoperta delle grandi eccellenze del territorio: dall’Asti al Moscato d’Asti Docg alla Barbera d’Asti ed i Vini del Monferrato, dal Vermouth ai vini biologici fino alle grappe. Qui gli ospiti della Douja possono trovare degustazioni di vini provenienti da tutti i territori del Piemonte in abbinamento a pasticceria secca, formaggi e salumi Dop e Igp piemontesi ma anche momenti di intrattenimento serali con Dj Set e musica live. Una carta di vini digitale con oltre 500 etichette consultabili tramite QR code aiuta nella scelta tra bollicine, bianchi, rosè, rossi, aromatici e passiti.

Il Consorzio per la Tutela dell’Asti Spumante e del Moscato d’Asti DOCG, nell’anno del suo 90esimo anniversario, fa vivere ai visitatori tutta la convivialità delle bollicine aromatiche più brindate al mondo. All’interno del cortile di Palazzo Gastaldi, storica sede del Consorzio, vengono servite nelle varie tipologie oltre che in miscelazione attraverso la preparazione di innovativi cocktail.  Torna anche l’Ape Car, già apprezzata dai visitatori lo scorso anno e che in questa edizione si fa carico del messaggio “Asti Vibe”. Oltre alle degustazioni in abbinamento ai piatti del territorio e alla pasticceria gourmet dell’AMPI (Associazione Maestri Pasticceri Italiani), tutte le sere il Consorzio ospita spettacoli e concerti ad ingresso libero. Piazza Roma diventa teatro a cielo aperto di show di poesia, circo, magia e mentalismo con le performance di artisti, acrobati e illusionisti coniugazione ideale con i volteggi delle bollicine dell’Asti Spumante e del Moscato d’Asti.

Enogastronomia e non solo, a Palazzo Mazzetti (29 agosto / 16 ottobre 2022) il Consorzio per la Tutela dell’Asti Spumante e del Moscato d’Asti DOCG presenta la mostra dal titolo “Novant’anni di bollicine. Asti Spumante – Moscato d’Asti”, un viaggio storico artistico che celebra il 90° anniversario del Consorzio, visitabile fino al 16 ottobre.

Il Consorzio Barbera d’Asti e Vini del Monferrato ritorna a Palazzo Alfieri per raccontare attraverso il vino la storia e il valore di questo territorio patrimonio dell’Umanità UNESCO. Il Monferrato in un calice: i Giardini del Palazzo ospitano il grande banco d’assaggio, coordinato da esperti sommelier. Vengono proposte in degustazione oltre 150 etichette delle 13 denominazioni di origine tutelate dal Consorzio e un corner dedicato ai Consorzi del Gavi e Colli Tortonesi. Il Bistrot Douja del Monferrato è invece uno spazio gestito per l’occasione dalla Scuola Alberghiera AFP Colline Astigiane e propone assaggi della tradizione piemontese, da abbinare alla ricca carta dei vini del Monferrato.

Come già nelle passate edizioni il vino è un percorso che lega anche arte e musica.

Palazzo Mazzetti ospita fino al 16 ottobre la mostra “Il vetro è vita”, una mostra-evento basata sulla preziosa collezione di Pino e Donatella Clinanti che offre una panoramica su questa forma artistica e permette di riflettere sull’economia circolare e la sostenibilità. In occasione della Douja d’Or, la mostra ospita degustazioni di vino guidate da esperti sommelier alla scoperta dell’importanza dell’utilizzo di bicchieri differenti per tipologia di vino.

L’Unione Industriale della Provincia di Asti è presente anche quest’anno alla Douja d’Or con la propria Rassegna dei Vermouth e Vini Aromatizzati, nello storico cortile di Palazzo Ottolenghi dove si potranno degustare Vermouth in purezza o miscelati. Grazie al supporto del Consorzio del Vermouth di Torino ed alle aziende produttrici aderenti al sistema Confindustriale astigiano e piemontese potranno essere degustate oltre 50 etichette di Vermouth di Torino rosso, ambrato, bianco e dry.

La collaborazione con la sede astigiana di Confcommercio Imprese per l’Italia rende possibile inoltre accompagnare le degustazioni con un piatto di carne cruda e salumi tipici.

Nelle serate di domenica 11, mercoledì 14 e domenica 18 Palazzo Ottolenghi ospita nel suo cortile l’orchestra jazz “Claude”.

L’Associazione Produttori del Vino Biologico del Piemonte, con quartier generale alla Cascina del Racconto, accompagna gli ospiti della manifestazione in degustazioni guidate dai produttori piemontesi in abbinamento a specialità gastronomiche firmate da chef stellati, osterie storiche ed esperti delle arti bianche. Nei due sabati della kermesse, inoltre, viene conferito il premio Barbateller – Storie di vite ai divulgatori del vino. al giornalista Rocco Moliterni (sabato 10) e alla scrittrice Cinzia Benzi (sabato 17).

Ultima chicca dell’edizione 2022 il Contest Sommelier Vs Sommelier: curiosi ed originali scontri/incontri tra sommelier del vino e del cibo per scoprire curiosità sui prodotti e provare abbinamenti inediti ed interessanti incontri di gusto. A Cascina del Racconto il riso Gli Aironi incontra il vino biologico lunedì 12; mercoledì 14 a Palazzo Alfieri si celebra l’incontro tra vini e formaggi con Elio Siccardi e Alessandro Pio. Giovedì 15 il sommelier delle ostriche dialoga con quello dell’Asti e del Moscato d’Asti DOCG a Palazzo Gastaldi. Guido Castagna porta il cioccolato a confrontarsi con il vermouth (venerdì 16); grappa e torrone si sfidano sabato 17 a Palazzo Ottolenghi con Barbero Davide e Gianluca Bordone.

Condividi