L’impianto Weltec Biopower RNG riduce le emissioni di carbonio degli allevamenti di bovini da latte

Attualmente, lo specialista tedesco di biogas Weltec Biopower sta costruendo un impianto di biometano per l’allevamento spagnolo di bovini da latte Torre Santamaría. Da quando il primo impianto di biogas da 250 kW è entrato in funzione nel 2011, l’azienda a conduzione familiare catalana è stata in grado di coprire l’intera domanda di energia dai propri residui. L’azienda agricola di Vallfogona de Balaguer è stata la prima azienda produttrice di latte in Spagna a utilizzare qualsiasi materiale residuo per la produzione di energia.

L’investimento nel nuovo impianto RNG / biometano ammonta a oltre 4 milioni di euro, un quarto di questa somma sarà speso per ammodernare le infrastrutture esistenti e l’impianto di biogas. Uno dei motivi per cui il secondo produttore lattiero-caseario della Catalogna è in grado di stanziare un budget di questa portata è che le vendite di biometano erano già state garantite contrattualmente in una fase iniziale. Il gas verde deve essere commercializzato come combustibile rispettoso del clima tramite un fornitore di servizi energetici. “Consideriamo questo impianto AD come un investimento ambientale, in quanto ci consente di ridurre quasi a zero le nostre emissioni di gas serra e generare entrate aggiuntive dal biometano”, spiega Juan Bautista Pons Torrades, amministratore delegato e proprietario di Torre Santamaría.

Oltre al suo spirito pionieristico in materia ambientale, l’allevamento di bovini nella provincia di Lleida è un pioniere anche in altre aree. Ad esempio, Torre Santamaría è stata una delle prime a introdurre il latte A2 ben digeribile. Inoltre, nel 2019, l’azienda è stata il primo allevamento di bovini da latte ad essere certificato dal Gruppo Lactalis in riconoscimento dei suoi sforzi per il benessere degli animali. Il gruppo lattiero-caseario Lactalis acquista circa 22 milioni di litri di latte all’anno da Torre Santamaría e lo vende con vari marchi.

“Per produrre questa quantità di latte, alleviamo 2.300 vacche da latte e 2.100 vitelli su un’area operativa di 14,2 ettari”, afferma Juan Bautista Pons Torrades. Ogni anno, circa 60.000 t di sostanze in ingresso si accumulano per essere utilizzate nella produzione di biogas. Il letame di bestiame rappresenta circa il 90% dei substrati. Anche la lettiera composta da paglia macinata e avanzi di insilato viene alimentata nel digestore. Attualmente, WELTEC sta installando due ulteriori digestori in acciaio inossidabile per la digestione di tutti i residui dell’azienda agricola. Ciascuno dei digestori ha un’altezza di 6,30 m, un diametro di 26,87 me una capacità di 3.573 m3. “Dopo aver processato il biogas generato nei digestori, Torre Santamaría immette 300 m3 / h standard di biometano nella rete del gas naturale”, riferisce Mark Kornweibel, il partner commerciale spagnolo di Weltec Biopower.

Secondo Kornweibel, l’attuale centrale di cogenerazione da 250 kW continuerà a funzionare nonostante il passaggio alla produzione di RNG. L’azienda è così in grado di coprire il proprio fabbisogno di energia elettrica, calore e acqua calda. Dopo che il nuovo impianto sarà terminato nell’estate del 2021, Torre Santamaría continuerà a soddisfare la sua domanda di energia dalla propria materia prima. Inoltre, il funzionamento dell’impianto consente ai catalani di assumersi la propria responsabilità sociale d’impresa e mantenere un sano equilibrio tra ambiente, preoccupazioni sociali, fattori economici e sicurezza dell’approvvigionamento alimentare ed energetico.

Condividi