Irlanda: torna il NPC, la fiera dove l’agricoltura del futuro è già presente, dal 20 al 22 Settembre.  

Dal 20 al 22 Settembre 2022, high tech e country sono protagonisti del National Ploughing Championships, la più grande fiera agricola all’aperto del mondo e sede dell’Innovation Arena, la principale vetrina dell’agritech europea.

Tema dell’anno è ‘Innovating for a Changing World con l’obiettivo di accrescere l‘efficienza produttiva minimizzando l’impatto ambientale.

Enterprise Ireland, l’agenzia governativa per lo sviluppo e 1° VC d’Europa, ha selezionato i progetti più innovativi pronti per andare in campo e presentati nel padiglione dell’Innovation Arena.

Come sottolinea Leo Clancy, CEO di Enterprise Ireland: “Io ho radici contadine e comprendo benissimo l’enorme investimento, sia finanziario sia di tempo, necessario per sviluppare una fattoria di successo. La nostra sfida è sostenere questo settore determinante per il Paese, in linea con l’obiettivo di ridurre le emissioni e la nostra impronta di carbonio. Il tema di questa 9° edizione dell’Innovation Arena è ‘Innovating for a Changing World’ con interessanti progetti nel campo delle bioscienze, delle tecnologie digitali e dell’ingegneria che svolgeranno un ruolo fondamentale per raggiungere questo obiettivo in Irlanda e in tutto il mondo”.

L’isola green

L’’isola green dell’agritech” offre non solo soluzioni hi-tech per aumentare le esportazioni, ma anche per ridurre pesticidi, antibiotici e le emissioni di gas ad effetto serra.

L’economia agricola irlandese è tra le più sviluppate e apprezzate del mondo. Con meno di 5 milioni di abitanti, l’Irlanda produce cibo per 35 milioni di persone. Da sola fornisce il 10% del latte per bambini consumato nel mondo.

Nel 2021, il valore delle esportazioni agro-alimentari ha superato i 15 miliardi di euro, il 9% del totale dell’export irlandese, con +6% di crescita annua.

Secondo il rapporto OCSE-FAO, nei prossimi 10 anni, la crescita del 15% della domanda globale di prodotti agricoli sarà supportata da un aumento della produttività a parità di risorse e con costi minori. Proprio come già avviene in Irlanda.

Intelligenza artificiale, robotica, internet delle cose (IoT) stanno trasformando l’agricoltura come si può vedere dall’esperienza delle aziende irlandesi che oggi esportano tecnologia in 140 Paesi del mondo.

Herdwatch, Magrowtec, Keenan, Pearson Milking Tecnology, JFC Agri, Cotter Agritech e altre innovative imprese stanno creando l’agricoltura di nuova generazione.

Il risultato è un livello altissimo di sostenibilità, di benessere per gli animali e di prodotti di alta qualità, completamente tracciabili “dalla fattoria alla forchetta”. L’Irlanda è al 1° posto nel Global Food Security Index tra 113 Paesi.

Innovation Arena al NPC

Innovation Arena by Enterprise Ireland, è la più importante vetrina internazionale dell’agri-tech. Il contest si tiene in occasione del National Ploughing Championships, dal la fiera che dal 1931 attira oltre 300mila persone. Quest’anno si svolge dal 20 al 22 settembre a Ratheniska, nella campagna a 90 chilometri da Dublino.

La fiera è nata come una disputa tra due agricoltori per affermare quale contea avesse i migliori lavoratori agricoli. Il campionato di aratura è ancora oggi seguito con passione nell’isola che quest’anno ospita il 67° World Ploughing Contest con sfidanti da 28 Paesi. Un evento unico che abbina innovazione e tradizione, B2B con divertimento: dalla competizione nazionale di tosatura delle pecore ai pascoli interattivi.

L’Innovation Arena è visitata dai buyer e investitori provenienti da Europa, Nord America, Cina, Australia. I settori interessati dalle nuove tecnologie made in Ireland vanno dall’allevamento alla gestione delle acque e dei rifiuti, dall’orticoltura ai software di monitoraggio in cloud, dalla genetica al clean-tech, dai sistemi di sicurezza all’industria alimentare.

Startup anche dall’Italia

Sono oltre 50 i progetti selezionati da Enterprise Ireland per l’Innovation Arena 2022, compresa per la prima volta una startup italiana. Natural Development Group, specializzata in estratti fitoterapici ed oli essenziali, ha creato Microsap®, la tecnologia brevettata bio-verde per trattamenti in grado di rispondere alle esigenze di un’agricoltura sempre più ecosostenibile.

Le startup più promettenti saranno premiate nel corso della manifestazione. Quest’anno si potranno incontrare anche i vincitori delle ultime due edizioni, che a causa della pandemia si erano svolte in modo virtuale.

L’Innovation Arena è un eccezionale trampolino per far decollare rapidamente le startup dell’agritech. Per esempio il giovanissimo team di Micron Agritech entrato nella scuderia di Enterprise Ireland tre anni fa, dopo un primo finanziamento di 500 mila euro, ha appena ricevuto un round da 1,5 milioni di euro. La spin-out del Technological University Dublin ha sviluppato un kit portatile per il test dei parassiti negli animali da allevamento con diagnosi immediata senza quindi dover portare il campione in laboratorio.

Ancora altri giovani per il premio al miglior software andato nel  a Equine MediRecord per il primo registro medico elettronico per i cavalli da corsa in linea con le regole anti-doping e di welfare stabilite dagli organismi di controllo internazionali. La startup ha recentemente un investimento di 10 milioni di euro entrando nel più grande gruppo di servizi veterinario del mondo, Inova Group Holdings.

Sempre nel 2020, è stata premiata BovinePlus per una dieta giusta e sostenibile progettata da un giovane ingegnere, figlio di un allevatore di Galway. Basta un veloce passaggio del bovino sulla bilancia completa di sensori che rilevano peso e altri dati significativi per il benessere animale.

Nel 2021 il vincitore assoluto dell’Innovation Arena è stata Brandon Bioscience. L’azienda di biotecnologie marine ha collaborato con il produttore di fertilizzanti Target Fertilizers per creare un nuovo biostimolante utilizzando estratti di alghe brune. L’innovativa formula ha il potenziale per ridurre l’apporto di azoto chimico nelle aziende agricole fino al 20%.

La startup EquiTrace è stata premiata per la sua app che traccia salute, identità e posizione del cavallo con microchip scanner. La piattaforma è progettata per funzionare anche in ambienti con disponibilità internet limitata. Fondata nel 2019 dalla coppia di veterinari Kevin e Jennifer Corley e supportata da Enterprise Ireland, la startup ha siglato un accordo con la multinazionale farmaceutica Merck Animal Health.

Grande attenzione e risorse ogni anno sono destinate ai nuovi progetti che grazie a Enterprise Irelandpossono rapidamente svilupparsi e raggiungere i mercati internazionali. Proprio come è accaduto agli innovativi sensori di monitoraggio degli alveari sviluppati da ApisProtect che sta fornendo sistemi di allerta precoce agli apicoltori di tutto il mondo.

Ed è opera della ricercatrice Ella Goddin l’innovativa tecnologia di FodderBox che permette la coltivazione idroponica di foraggio e di alghe per l’alimentazione dei ruminanti. I vantaggi sono duplici: da un lato il benessere del bestiame, dall’altro la sostenibilità poiché non si inquina e non si usano terreno, fertilizzanti e pesticidi. Il container di 300 metri quadrati può produrre l’equivalente di 16 ettari di terreno, circa una tonnellata di foraggio al giorno.

Enterprise Ireland

Enterprise Ireland è il Venture Capital del Governo irlandese, nel 2021 il 1° seed stage investor d’Europa. L’Ente supporta imprese innovative e startup altamente tecnologiche nello sviluppo e globalizzazione. Enterprise Ireland ha 5mila aziende in portfolio e 40 uffici di rappresentanza in tutto il mondo. Presso la sede di Milano, è a disposizione un team di advisor per favorire partnership e business development tra le aziende irlandesi e italiane in diversi settori.

Condividi