Intact per le colture protette. In serra pomodori e zucchine più sani e buoni con Chitoplus  

 Pomodori, zucchine, peperoni e melanzane coltivati in serra con un sapore inconfondibile e genuino, qualità e nutrienti altissimi e una maggiorazione della resa. Sembra irrealizzabile con i sistemi di coltivazione convenzionali, è invece possibile con Chitoplus di Intact, uno stimolante naturale a base di Chitosano che mantiene lo stato di salute delle piante, migliora l’assimilazione di nutrienti e non lascia residuo.

“Coltivare in serra le orticole è una necessità dettata dalla grande richiesta di mercato durante tutto l’anno, che permette agli agricoltori di gestire meglio le produzioni a ciclo breve e a ciclo lungo, come pomodori e zucchine, mantenendo la continuità dell’offerta. Chitoplus riequilibra le funzioni delle piante, aumenta la loro resistenza alle fitopatie e favorisce l’assimilazione dei micro e macro elementi, consentendo alle colture di esprimere al meglio la propria produttività intrinseca. In questo modo si riesce a ottenere costantemente produttività unita ad alta qualità e conservabilità, offrendo ai consumatori prodotti con caratteristiche organolettiche e nutrizionali migliori, perché raccolti da piante non stressate e quindi in grado di assimilare meglio i nutrienti”, spiega Maria Franziska Rindler, ricercatrice e Soul and Spirit di Intact.

La validità di Chitoplus è stata testata nell’ambito di prove sperimentali svolte in collaborazione con diverse università italiane, ma è su scala aziendale che i risultati raggiunti assumono una valenza economica e ambientale interessante. Lo dimostra l’esperienza di AgroShop, azienda distributrice di mezzi tecnici del Fucino che tra le altre zone opera anche su Latina, una delle aree italiane più vocate all’orticoltura. La collaborazione tra Intact e AgroShop, con l’aiuto di tecnici e agricoltori, ha portato allo sviluppo di un protocollo di difesa dello zucchino basato su prodotti completamente naturali, la cui sostanza di base è il Chitosano, ammesso anche per l’agricoltura biologica.

La pratica ha dimostrato che, grazie all’uso del protocollo, le piante di zucchino appaiono più forti, meno soggette alle virosi, più performanti e con una maggiore allegagione; anche l’apparato radicale risulta più sviluppato. Alla raccolta si registra un notevole aumento di peso dei frutti, che hanno un maggiore contenuto di sali minerali, sono meno soggetti alla spaccatura e più conservabili.  

“Con i prodotti realizzati con Intact abbiamo ottenuto ottimi risultati in svariate zone d’Italia, dal Veneto alla Sicilia, su molteplici orticole sia in serra che in campo aperto e anche su frutticole, vigneti, oliveti, cereali e in vivaio”, dichiara Francesco Baldassarre di AgroShop.

Intact distribuisce i suoi prodotti anche all’estero. Tra i clienti c’è Gutknecht Gemüse, rivenditore e coltivatore di orticole sotto serra in Svizzera, che ha scelto Intact per gli ottimi risultati ottenuti con i suoi prodotti e per dare ad altri agricoltori mezzi tecnici a residuo zero, in linea con le richieste dei consumatori d’oltralpe, già molto attenti a sistemi di produzione rispettosi dell’ambiente.

 

 

***

Intact è un’azienda con sede a Merano (BZ), nata nel 2014, che produce mezzi tecnici per l’agricoltura professionale (viticoltura, frutticoltura, agrumicoltura, orticoltura, cerealicoltura, floricoltura, giardinaggio), quali composti per migliorare le produzioni (aumento della resa e della qualità della polpa, longevità delle piante), regolatori di crescita e per la difesa da insetti infestanti e malattie fungine. Intact è presente in Italia, in Svizzera, Germania e Francia. I suoi prodotti sono certificati bio sulla base del Regolamento CE n. 834 del 2007 e sono listati Agrios e FIBL Swiss.

 

 

 

Condividi