Fieragricola chiama, Argo Tractors risponde “presente”

 

Tra annullamenti e rinvii dei principali eventi fieristici a causa dell’emergenza sanitaria in corso, due sono le certezze all’orizzonte: la prima è Fieragricola che si terrà dal 2 al 5 marzo presso il quartiere fieristico di Verona; la seconda èArgo Tractors che sarà presente con le principali novità di prodotto e di servizi dei marchi Landini e McCormick.

“Siamo molto soddisfatti della conferma di Fieragricola – sottolinea Mario Danieli, Country Manager Italia di Argo Tractors – questa per noi è una manifestazione strategica sulla quale abbiamo sempre puntato come gruppo, in quanto occasione che ci permette di presentare a un pubblico sempre più attento e qualificato le novità di prodotto e di servizi, con un occhio di riguardo al Made in Italy, che è per noi un valore aggiunto. Il contesto geografico di riferimento in cui è calata la fiera di Verona è del tutto funzionale a dare continuità al nostro disegno di crescita nel nord Italia con trattori di alta potenza, confermato anche dai dati che vedono un incremento di quasi tre punti della nostra quota mercato nel segmento tra i 180 e i 240 cavalli”.

Sullo stand di Fieragricola, Argo Tractors presenterà alcune novità di prodotto, a partire dal marchio Landini, con il nuovo e attesissimo cingolato Trekker4 Stage V e, per il segmento Heavy Duty Utility, la nuova Serie 6RS. Per McCormick, invece, focus sull’alta potenza con il nuovo McCormick X7 Short Wheel Base e con la media potenza degli X6.4 P6-Drive.

La presenza alla rassegna veronese significa per Argo Tractors anche la partecipazione al summit internazionale “Sessant’anni di politica agricola comune: quali sfide per la PAC? La Vision al 2050”, che si terrà nella giornata del 1° marzo, presso il Palazzo della Gran Guardia di Verona. Corposa l’agenda dei lavori della giornata, a cui sono invitati il Presidente del Parlamento Europeo, Roberta Metsola, il Ministro francese dell’Agricoltura e dell’Alimentazione, Julien Denormandie e il Ministro delle Politiche agricole alimentari e forestali del Governo italiano, Stefano Patuanelli e i presidenti delle principali associazioni di categoria del comparto agricolo.

All’interno della tavola rotonda dal titolo “L’agricoltura a emissioni zero: orizzonte 2050” interverrà il Direttore dell’Innovazione di Argo Tractors, Giovanni Esposito, che porterà l’esperienza in materia del gruppo industriale reggiano.

Argo Tractors sarà protagonista anche del “Premio Innovazione Fieragricola 2022”, promosso da Veronafiere in collaborazione con le testate L’Informatore Agrario, Vite & Vino e MAD – Macchine Agricole Domani, con McCormick X6.4 P6-Drive forte dell’innovativa McCormick High Visibility Cab che, con il suo tetto panoramico omologato FOPS con botola per la ventilazione naturale, è capace di esaltare le prestazioni della trattrice nell’uso del caricatore frontale M40 e nelle lavorazioni di fienagione. Senza dimenticare i fari a Led, fino a 14 disponibili, di cui 8 integrati sul tetto che ottimizzano la visione anche in notturna.

I trattori di Argo Tractors si faranno ammirare anche in azione, grazie al Dynamic Show che vedrà impegnato negli spazi esterni della Fiera di Verona anche il McCormick X7.624 VT-Drive, che metterà in mostra le sue principali caratteristiche e qualità.

“La partecipazione in presenza alle fiere – sottolinea in conclusione Mario Danieli – è la migliore opportunità che ci viene concessa di incontrare e confrontarci con i partner di settore, approfondire le reciproche esperienze, conoscere le tendenze di mercato, instaurare nuovi contatti e rafforzare quelli esistenti. Sono tutte attività fondamentali che in presenza acquistano un valore ulteriore rispetto agli scambi digitali. Senza trascurare il forte impatto mediatico di eventi di così ampio risalto e le fondamentali ricadute in termini di strategie di comunicazione”.

Argo Tractors SpA, multinazionale con sede nel cuore della Motor Valley italiana a Fabbrico (RE), progetta, produce e distribuisce trattori a marchio Landini, McCormick e Valpadana.
Innovazione tecnologica, fattore umano e sostenibilità ambientale guidano l’azione di Argo Tractors rendendolo uno dei principali player mondiali nel comparto della meccanizzazione agricola.

Grazie a processi produttivi verticalizzati viene realizzato internamente il 65% in valore dei componenti dei trattori, mantenendo il made in Italy come asset centrale, ma aprendosi al mercato globale grazie all’ampia gamma di trattori e ricambi capaci di rispondere alle diverse esigenze dei mercati mondiali.


Argo Tractors conta 5 stabilimenti in Italia, 1.800 dipendenti, 11 filiali commerciali nel mondo, 130 importatori, 2.500 concessionarie ed una capacità produttiva di 22.000 trattori l’anno.

 

 

Condividi