Consorzio Italiano Biogas e Banco BPM: accordo per favorire la crescita della produzione di biogas e biometano in agricoltura

Il Consorzio Italiano Biogas (CIB), punto di riferimento per il comparto nazionale della produzione di biogas e biometano in agricoltura, e Banco BPM hanno sottoscritto un accordo di collaborazione per agevolare l’accesso al credito alle imprese associate. L’obiettivo è quello di favorire gli investimenti nella produzione di biogas/biometano da fonti rinnovabili – anche sfruttando le possibilità offerte nel quadro delle iniziative legate al Piano Nazionale di Ripresa e Resilienza (PNRR).

Il documento, siglato a Lodi presso la sede del CIB, all’interno della struttura del Parco Tecnologico Padano, da Massimo Pasquali, responsabile Coordinamento Aziende di Banco BPM, e dal Presidente del CIB, Piero Gattoni, prevede che Banco BPM si renda disponibile a supportare le imprese associate CIB proponendo la propria gamma di prodotti e servizi evoluti, in particolare di finanziamento, anche attraverso un team di specialisti in grado di offrire assistenza e consulenza qualificate per affiancare le imprese nella realizzazione dei loro progetti. Il CIB, sempre nell’ambito dell’accordo, collaborerà con la Banca mettendo a disposizione la propria esperienza tecnico-scientifica, maturata in anni di esperienza nel settore, per la valutazione tecnica dei progetti/investimenti sul biometano.

Tra gli ulteriori profili qualificanti la collaborazione è prevista la disponibilità da parte della Banca a organizzare incontri con i propri esperti, anche avvalendosi della competenza specifica presente nelle società specializzate del Gruppo Banco Bpm.

“L’avvio della collaborazione con il Banco BPM, un istituto che ha forti radici nei territori, che sono stati pionieri nello sviluppo del biogas agricolo, potrà dare nuovo slancio agli investimenti dei nostri soci nel percorso di sviluppo tracciato dal PNRR», dichiara Piero Gattoni, Presidente CIB. «In questo momento di attesa dei provvedimenti che daranno pieno sviluppo al biogas e biometano agricolo è fondamentale costruire una salda collaborazione tra la nostra rete imprenditoriale e il mondo bancario grazie alla quale il nostro modello del Biogasfattobene potrà diffondersi sempre di più e contribuire agli obiettivi nazionali di transizione e decarbonizzazione”., conclude Gattoni.

“Il contributo che le imprese agricole possono offrire nell’ambito della produzione di energia da fonti rinnovabili sta crescendo progressivamente d’importanza. Infatti, oltre a rappresentare un’attività per ampliare e diversificare l’origine dei profitti aziendali, la produzione di biogas e biometano in agricoltura, specialmente in prospettiva, può offrire un contributo significativo in termini di produzione energetica nazionale e favorire la transizione ecologica ambientale del nostro Paese – commenta Massimo Pasquali, responsabile Coordinamento Aziende di Banco BPM – l’accordo sottoscritto con il Consorzio Italiano Biogas pone le basi per una stabile collaborazione volta proprio a sostenere gli investimenti, l’innovazione e lo sviluppo di questo particolare settore”.

CIB – Consorzio Italiano Biogas è la prima aggregazione volontaria che riunisce circa 800 aziende agricole produttrici di biogas e biometano da fonti rinnovabili e 221 società industriali fornitrici di impianti, tecnologie e servizi per la produzione di biogas e biometano, enti ed istituzioni che contribuiscono alla promozione della digestione anaerobica per il comparto agricolo. Il CIB è attivo sull’intera area nazionale e rappresenta tutta la filiera della produzione di biogas e biometano in agricoltura, con l’obiettivo di fornire informazioni ai Soci per migliorare la gestione del processo produttivo e orientare l’evoluzione del quadro normativo per favorire la diffusione del modello del Biogasfattobene® che contribuisce al contrasto della crisi climatica. Nel 2020 il Consorzio ha lanciato il progetto “Farming for Future – 10 azioni per coltivare il futuro” dedicato alla transizione agroecologica dell’agricoltura. Attualmente il CIB conta oltre 980 aziende associate e quasi 500 MW di capacità installata.

BANCO BPM – Il Gruppo Banco BPM nasce il 1° gennaio 2017 dalla fusione di Banco Popolare e Banca Popolare di Milano. La radicata tradizione delle banche originarie ha ispirato la Banca nel proseguire una mission orientata a creare valore stabile nel tempo per gli azionisti tramite redditività e sviluppo sostenibili. Serve 4 milioni di clienti con un capillare modello di distribuzione che vede l’innovazione e la sostenibilità tra i principali elementi fondanti.

 

Condividi