Novelfarm 2023: tecnologia, sostenibilità e sicurezza alimentare

Tre mesi alla quarta edizione di NovelFarm, l’unica manifestazione del Sud Europa interamente dedicata alle coltivazioni fuorisuolo e al vertical farming. L’evento si svolge il 15 e 16 febbraio e ospita AlgaeFarm, un’area dedicata al settore della coltivazione e utilizzo di alghe, microalghe e microorganismi. Le due manifestazioni vedono la partecipazione di enti accademici e di ricerca internazionali.

NovelFarm presenta tutte le novità in ambito scientifico e tecnologico finalizzate a perfezionare i metodi di coltura innovativi affinché rendano sempre di più e sempre meglio, mantenendo alti livelli di qualità e allo stesso tempo stabilità nelle caratteristiche organolettiche e nutritive degli alimenti. Non si tratta solo di tecnologia: le colture fuorisuolo e verticali sono importanti per la necessità di accorciare le distanze fra luoghi di produzione e di consumo del cibo, in modo da ridurre l’impatto di tutto ciò che è trasporto, logistica e spreco. Inoltre consentono la produzione primaria di cibo in modo slegato dalle condizioni climatiche e stagionali, un fattore che spiega molta parte delle importazioni alimentari italiane, come per esempio il pomodoro da mensa per consumo fresco.

Negli ultimi anni l’Italia ha esportato circa 55.000 tonnellate e importato 155.000 tonnellate, con un saldo quindi è negativo per 90.000 tonnellate. I destinatari delle nostre esportazioni sono soprattutto i paesi del centro e del nord Europa, con un commercio stagionale (estate, quando produciamo più di quel che consumiamo). L’analisi delle importazioni è più interessante. A parte la Spagna, da cui importiamo un po’ più di 39.000 tonnellate (il 27%), e qualche punto percentuale da Tunisia e Marocco, il 70% proviene da Paesi dell’Europa occidentale e centrale, tra cui Francia e Germania. Spicca la posizione dell’Olanda, da cui importiamo quasi 63.000 tonnellate l’anno. La spiegazione è la stagionalità. Infatti l’Europa settentrionale è grande produttore in climi invernali equivalenti al Nord Italia o peggiori. Riportare a casa questa quota di consumo non richiederebbe sforzi, solo l’applicazione di tecnologie ben note.

L’esempio e la soluzione si possono allargare ad altri settori. Alla collocazione del fuori suolo e del vertical farming nella produzione agricola sarà infatti dedicata la sessione di apertura di NovelFarm. Maggiori dettagli sull’agenda delle conferenze, da sempre punto di forza della manifestazione, saranno a breve disponibili. Prosegue intanto la campagna di reclutamento dei sostenitori dell’iniziativa. Sono già diverse le conferme da parte degli espositori dell’edizione dello scorso maggio, che aveva già visto un aumento del 25% dei sostenitori e dell’area occupata.

NovelFarm è il più importante evento italiano interamente dedicato alle nuove tecniche di coltivazione, fuori suolo e vertical farming, che ospita AlgaeFarm, appuntamento dedicato a tecnologie e applicazioni in algocoltura e microbiologia industriale.

 

Condividi