L’Innovation Tour chiude in bellezza a Vinitaly: Syngenta per confrontarsi sull’innovazione del mercato della vite

 

Dopo aver toccato oltre 15 tappe in tutta Italia, l’Innovation Tour giunge al termine del suo viaggio all’insegna delle principali innovazioni per le filiere di cereali, mais e vite.

È Vinitaly, a sancire la chiusura del progetto itinerante – ma anche l’atteso ritorno agli eventi aperti al pubblico dopo il lungo periodo di restrizioni legate alla pandemia – con un incontro dedicato alle innovazioni per il mercato della vite proposte da Syngenta, uno dei principali player dell’agribusiness a livello mondiale.

“L’Innovation Tour si è rivelato un successo, permettendoci di incontrare e contattare migliaia di stakeholder lungo tutta la Penisola per mostrare loro in modo concreto l’innovazione di prodotti, soluzioni integrate e piattaforme digitali che ci contraddistingue e che ci permette di affiancarli al meglio nelle sfide che devono affrontare tutti i giorni”, afferma Francesco Scrano, CP Marketing Head di Syngenta Italia. “Focalizzando poi l’attenzione sul mercato della vite, sono particolarmente soddisfatto di aver chiuso in bellezza questo progetto celebrando il ritorno del pubblico a Vinitaly: dopo due anni di pausa, c’era molta attesa per la riapertura del più importante appuntamento del settore vitivinicolo italiano”.

Il truck brandizzato ha accolto il pubblico di Vinitaly nel corridoio esterno che divide il padiglione 9 (Toscana) dall’11 (Molise, Puglia e Basilicata) per fornire ai visitatori tutte le indicazioni necessarie a superare le problematiche della vite.

Contraddistinta dall’hashtag #innovationbySyngenta2022, anche l’ultima tappa dell’Innovation Tour, è stata l’occasione per tutti gli stakeholder di toccare con mano l’orientamento all’innovazione a 360 gradi di Syngenta declinata lungo tutta la filiera a partire dai processi tecnologici, passando per la ricerca e sviluppo sui prodotti, la gestione sostenibile in campo grazie alle pratiche di agricoltura rigenerativa e alle tecnologie digitali applicate, fino alla distribuzione con un canale e-commerce e un portale dedicato.

I viticoltori italiani vivono quotidianamente una grande sfida: valorizzare la grande qualità delle loro produzioni in mercati sempre più competitivi ed esigenti. Con questo stesso obiettivo, Syngenta li supporta con soluzioni integrate di agrofarmaci innovativi, biocontrol, biostimolanti e servizi in grado di fornire risposte concrete a queste nuove richieste, per coniugare produzioni di altissima qualità con i concetti emergenti di sostenibilità economica, attenzione alla salute, alla tutela ambientale e alla responsabilità sociale.

Nella tappa di Vinitaly, inoltre, l’Innovation Tour offre ai visitatori un focus sull’innovazione di prodotto, con una particolare attenzione per:

  • le nuove soluzioni che perfezionano ed esaltano la strategia Syngenta per la protezione della vite dalla peronospora;
  • Cropwise Protector, la piattaforma digitale con applicativi dedicati al settore vitivinicolo, come Trapview e e-MAT, che supportano attivamente gli agricoltori sia nel controllo e nel monitoraggio degli insetti – come per esempio la Lobesia – sia nella gestione dei residui.

 

Syngenta è un’azienda leader nel settore agricolo a livello mondiale. La nostra ambizione è aiutare a nutrire il mondo in modo sicuro mentre ci prendiamo cura del pianeta. Il nostro obiettivo è migliorare la sostenibilità, la qualità e la sicurezza dell’agricoltura attraverso la scienza di livello mondiale e le soluzioni innovative per le colture. Le nostre tecnologie consentono a milioni di agricoltori in tutto il mondo di utilizzare al meglio le risorse limitate in campo agricolo. Con 28.000 collaboratori in oltre 90 Paesi, stiamo lavorando per trasformare il modo in cui vengono coltivate le colture. Attraverso le partnership, la collaborazione e il The Good Growth Plan ci impegniamo a migliorare la produttività delle aziende agricole, salvaguardare i terreni dal rischio di degrado, a favorire lo sviluppo della biodiversità e rafforzare le comunità rurali.

 

 

Condividi