La prima Asta della razza bovina Limousine del 2021  è stata quella della “ripartenza”

Il mese di luglio 2021 ha rappresentato un importante momento di “ripartenza” anche per gli allevatori della razza bovina Limousine con la realizzazione, finalmente “in presenza” (rispettando tutte le disposizioni ancora vigenti per il contenimento della diffusione del Covid-19) da parte dell’Anacli (Associazione Nazionale Allevatori delle razze bovine Charolaise e Limousine) presso il Centro Genetico Anabic di San Martino in Colle, in provincia di Perugia, dell’Asta dei torelli Limousine riferita al 35° ciclo di prove di performance della razza, riservata a soggetti nati nel periodo tra il 25 febbraio ed il 9 giugno 2020.

Si è ripreso così un positivo filone interrotto lo scorso anno, prima dell’insorgenza delle serrate dovute all’emergenza pandemica, registrando per i 12 torelli nati nel 2020 un altro apprezzabile “sold out” in Asta, con un prezzo medio di  4.647,50 euro ed un “top price” di ben 7.700 euro, raggiunto da un soggetto aggiudicato all’Azienda La Rovere del Marchese Giorgio Guglielmi di Montalto di Castro (Viterbo).

L’asta – ricorda Anacli – costituisce l’atto conclusivo del ciclo di prove di performance della razza Limousine realizzato nell’ambito del Progetto I-BEEF n. 2015.99.2264.1127 – PSRN Sottomisura 10.2 – Biodiversità – Azione 5 “Miglioramento delle risorse genetiche animali ad interesse zootecnico (RGAiz), valutazione della consanguineità e della diversità genetica nelle popolazioni e calcolo dell’inbreeding, rilevamento dati in stazione di controllo in ambiente “.

“Siamo molto soddisfatti, al di là del fatto di ritrovarci con gli allevatori finalmente in presenza, a questo nostro importante appuntamento dal punto di vista tecnico ed economico – ha affermato il direttore di Anacli Stefano Saleppichi – anche perché pure in questa edizione che ci dà la spinta per riprendere tutti i nostri progetti e programmi per il futuro, i proprietari e gli allevatori hanno visto riconosciuti i loro sforzi, spuntando tutti prezzi interessanti. Inoltre, questo nostro incontro ha costituito l’occasione per presentare in anteprima i risultati di un interessantissimo lavoro di ricerca portato avanti in collaborazione con la dottoressa Sebastiana Failla del Crea-ZA, una vera esperta del settore zootecnico da carne, sulle notevoli qualità organolettiche delle carni di razza Limousine”.

Vivo compiacimento anche da parte del presidente Anacli Malko Gallone: “Un evento come quello dell’Asta ci voleva proprio: il successo dell’iniziativa ci dà la carica per affrontare anche la seconda parte di quest’anno che era iniziato tra mille incertezze, purtroppo a seguito di un 2020 drammatico ma che ora possiamo dire di esserci finalmente lasciati alle spalle. E’ stato un periodo duro per tutti, e per la grande famiglia degli allevatori Anacli c’è purtroppo da ricordare che è anche venuto a mancare un grande Amico ed un eccellente Allevatore e Dirigente: il Dott. Adriano Borgioli, prematuramente scomparso, che illuminava il nostro lavoro quotidiano con la saggezza dei suoi consigli e con la sua indubbia competenza. Era proprio in occasioni come le aste, di cui il Dottor Borgioli fu spesso animatore, preferendo nell’acquisto i migliori riproduttori italiani e credendo nella validità dell’attività del centro genetico, che usciva fuori lo spessore dell’Uomo e dell’Allevatore”.

All’Asta hanno partecipato allevatori provenienti da quasi tutta Italia, dalla Sardegna alla Sicilia, dal Piemonte all’Emilia-Romagna, dalla Toscana al Lazio. E’ stata anche confermata e riproposta la collaborazione tra Anacli ed INSEME, con l’accordo che ha consentito all’acquirente del toro abilitato alla fecondazione artificiale con le migliori caratteristiche genomiche di stipulare una convenzione per il prelievo del seme, finalizzato alla successiva commercializzazione: in quest’occasione si tratta del toro “Romain” che entra così nella scuderia dell’azienda Lippi e Nocentini di Dicomano (Firenze).

 

 

Condividi