In mostra ed Eima il primo nato della ‘generazione 0’ Merlo e la nuova famiglia di telescopici Compatti

Il Gruppo Merlo, ‘innovatori per tradizione’ fin dalla nascita e con una sguardo sempre più green e volto al raggiungimento delle zero emissioni, porta alcune delle ultime novità e i top di gamma nel settore agricolo in due delle più importanti fiere internazionali di macchine agricole: a Sima, in programma dal 6 al 10 novembre a Parigi, che quest’anno festeggia la prima edizione che si svolse nella capitale esattamente un secolo fa (allora al Grand Palais sugli Champs-Élysées); a Eima, a Bologna dal 9 al 13 novembre, esposizione internazionale che quest’anno ospita poco meno di duemila espositori provenienti da 50 Paesi.

A Eima, l’area espositiva Merlo di ben 1500 metri quadrati è all’interno del padiglione 36 ed è suddivisa in aree tematiche. Nell’area centrale, su due pedane ben illuminate, le ultime importanti novità: il TF30.7CS PLUS con forca balloni a 4 punte e l’eWorker 25.5-60 con piattaforma semovente.

Le altre aree tematiche sono dedicate ai sollevatori telescopici Compatti e Media Capacità, ai sollevatori telescopici ad Alta Capacità, alle macchine speciali (trasportatori cingolati Cingo, trattori porta attrezzi TreEmme e telescopici in versione ‘neve’) e ai servizi, area nella quale sarà possibile prendere confidenza con Movimatica e il Centro Formazione e Ricerca Merlo.

A Eima i telescopici Merlo saranno inoltre presenti in due aree esterne: Contoterzista Trophy (area esterna Pad. 31)con l’eWorker con forche flottanti e nell’area Merlo esterna (tra Pad. 36 e Pad. 37) con in esposizione un Cingo dotato di un innovativo sistema di guida autonoma sviluppata dal Gruppo Merlo in collaborazione con il Politecnico di Torino.

Tra le attività nello stand, grande attesa per l’11 novembre, quando ci sarà il Merlo Influencer Day.

eWorker 25.5 – 60 (2WD)

In fiera a Eima Merlo mostra l’eWorker 25.5 – 60 (2WD), una delle ultime novità proposte al mercato e apripista della nuova ‘generazione 0’, caratterizzata da una filosofia comune volta a raggiungere zero consumi di carburante, zero rumore e vibrazioni, zero emissioni. La continua ricerca di soluzioni e tecnologie innovative ha infatti portato Merlo Spa alla realizzazione di un’esclusiva gamma di sollevatori telescopici alimentati al 100% da batterie, dalle dimensioni ridotte e rispettosi dell’ambiente. Sono macchine progettate per eliminare completamente i livelli di rumorosità e di emissioni inquinanti, incrementare la manovrabilità negli spazi ristretti e ridurre drasticamente i costi di esercizio rispetto a modelli analoghi allestiti con motori termici alimentati a gasolio.

La nuova gamma di telescopici è l’ideale per lavorare in ambienti chiusi quali stalle, magazzini, industrie e ambienti sotterranei, garantendo l’operatività anche off-road per le esigenze dell’agricoltura, delle costruzioni e delle discariche. Prestazioni e comfort ai massimi livelli, il pacco batterie dell’eWorker offre un’autonomia intorno alle 8 ore e tempi di ricarica analoghi, permettendo di lavorare senza interruzioni. Per i clienti che necessitano di lavorare H24, l’eWorker è studiato per dare la possibilità di sostituire la batteria (in cinque minuti) con una carica, eliminando i tempi di attesa per la ricarica.

Il cuore del prodotto è sempre la sicurezza dell’operatore. Oltre all’abbattimento completo delle emissioni, le cabine sono certificate ROPS e FOPS, tutti i modelli sono equipaggiati con sensori di anti-ribaltamento, l’e-Holder e l’impianto frenante assistono l’operatore nelle ripartenze in salita e impediscono al mezzo di muoversi quando si rilascia il pedale dell’acceleratore su qualsiasi pendenza. Il modello elettrico eWorker 25.5 è disponibile in 2 versioni, offre un’altezza di sollevamento di 4,8 metri e una portata massima di 2.500 kg.

Nuovo telescopico compatto, nelle versioni P30.7 e TF30.7.

A Eima e Sima, Merlo propone anche il nuovo telescopico compatto, nelle versioni P30.7 e TF30.7. In risposta alla costante richiesta di ripristinare un modello 2x2m che potesse sostituire il precedente modello P32.6 – e che potesse garantire elevata forza di trazione e di scavo, movimenti del braccio veloci, dimensioni 2x2m e comfort adeguato – Merlo ha sviluppato una gamma di 5 modelli di telescopici compatti con portata di 30 quintali e 7 metri di altezza. I nuovi modelli hanno prestazioni e dimensioni analoghe al P32.6Top offrendo al contempo una maggiore versatilità di prodotto.

Tra queste due diverse motorizzazioni (Deutz TCD 2.9 HP – 75 kW / 101 CV e Kohler KDI2504 55 kW / 75 CV) e tre diverse soluzioni per la cabina, tra le quali anche quella con la Cabina Sospesa (unica macchina compatta sul mercato che offre una soluzione del genere). Le performance in termini di diagramma di carico e altezza di sollevamento sono migliorative rispetto al precedente modello P32.6. Il nuovo TF30.7 è equipaggiato con il sistema di sicurezza ASCS (Adaptive Stability Control System), che assicura tutte le potenzialità espresse sui modelli TF, dall’impostazione limiti di lavoro e delle velocità idrauliche all’area di scavo automatica e alla comunicazione con telecamera posteriore. L’impianto elettrico è di tipo modulare e garantisce il massimo comfort operativo. Di serie anche il joystick capacitivo con inversore del senso di marcia e seconda funzione idraulica.

MERLO

Merlo Spa è un’industria metalmeccanica italiana specializzata nella produzione di sollevatori a braccio telescopico sia fissi che a torretta rotante, di betoniere auto-caricanti, trattori forestali e mezzi cingolati.

Prima azienda in Europa a fabbricare industrialmente il sollevatore telescopico, Merlo ha mosso i primi passi nel settore delle costruzioni e dell’industria e successivamente i suoi mezzi hanno trovato applicazione anche nel comparto agricolo.

Oggi la presenza del Gruppo Merlo – che comprende 9 società interne specializzate – è garantita a livello mondiale da un’organizzazione diretta di sei filiali – Francia, Germania, Inghilterra, Spagna, Polonia e Australia – da una rete distributiva di oltre 80 importatori e da 600 concessionari in grado di offrire una copertura capillare a livello di vendita, assistenza e ricambi. Nel 2021 sono state prodotte più di 7.200 macchine, di cui oltre l’80% è stato esportato.

Innovazione e approccio internazionale fanno del Gruppo Merlo un’impresa all’avanguardia, che continua a incrementare la propria presenza mondiale per garantire la vicinanza ai clienti e aprire nuovi mercati introducendo prodotti a elevato contenuto tecnologico con standard di sicurezza superiori.

Premiata nel mondo per i suoi numerosi brevetti, Merlo ha sede a San Defendente di Cervasca (Cn), dove lo stabilimento copre una superficie di circa 350.000 m². Il fatturato globale del 2021 è di 580 milioni, i collaboratori/dipendenti oggi sono 1.600.

Come certificato da Unioncamere, l’inizio dell’attività imprenditoriale della famiglia Merlo risale al 1911; questa data la colloca nella ristretta cerchia delle aziende centenarie che hanno fatto la storia di Italia.

Condividi