Arriva Inizio, una nuova varietà di grano duro biologico

La cooperativa agricola bio Girolomoni racconta come ha partecipato con tutta la sua filiera alla sperimentazione di una nuova varietà di grano duro “Inizio”. Iniziata nel 2016, presentata dalla Fondazione ‘Seminare il futuro’ con il finanziamento di NaturaSì e della Cooperativa Gino Girolomoni, questa varietà di grano bio ha visto la collaborazione del Crea di Foggia, dell’esperto svizzero nella selezione di cereali in biologico Peter Kunz, e del Centro di ricerca agro-ambientale dell’Università di Pisa; tutta la ricerca e la selezione è stata poi guidata dalla Fondazione Seminare il Futuro con la Direzione di Federica Bigongiali, responsabile del progetto che si occupa di “biobreeding”, ovvero della selezione di nuove varietà tramite tecniche d’incrocio tradizionali fatte in campi coltivati in bio.

“C’è una categoria di scienziati, multinazionali e agricoltori che vede il progresso nell’ingegneria genetica o nella biologia sintetica per raggiungere maggiori rese. Noi crediamo che la selezione di nuove varietà per poter affrontare le sfide dell’oggi e del domani (cambiamenti climatici, sementi adatte alla coltivazione in biologico) debba essere fatta considerando: il rapporto naturale della pianta con il suolo, con l’ecosistema e le esigenze produttive- dichiara Giovanni Battista Girolomoni, Presidente dell’omonima cooperativa bio e della Fondazione ‘Seminare il futuro’ – Questo significa far progredire la nostra civiltà in sintonia con l’ambiente, per ritrovare l’equilibrio che sempre abbiamo avuto, ma con molti più strumenti”.

Come Cooperativa Girolomoni è stata messa a disposizione tutta la filiera per poter sperimentare questa nuova varietà di grano dal campo alla pasta.

Hanno partecipato al progetto diverse aziende agricole biologiche socie della Cooperativa. Le condizioni per la sperimentazione sono state poste dall’obiettivo di selezionare sementi adatte all’agricoltura biologica, per cui son stati scelti terreni in cui la coltura precedente fosse erba medica, che conferisce azoto al terreno e predispone meno alle infestanti, con condizioni pedoclimatiche differenti.

La varietà Inizio è stata selezionata per l’altezza: non è alta come i cosiddetti grani antichi, ma neanche bassa come quelli moderni, per meglio competere con le infestanti coprendo bene il terreno in modo che non arrivi la luce. Si è dimostrata tollerante anche rispetto alle malattie fungine, monitorate attraverso i rilievi in campo. Grazie all’apparato radicale più grande, questa varietà si è dimostrata efficiente anche nell’utilizzo dei nutrienti del terreno, riuscendo ad andare più in profondità. Ha infine dimostrato resilienza dando ottimi risultati di resa in contesti ambientali e di annate molto diverse tra loro.

 “Questo grano sembra garantire performance migliori rispetto alla media dei grani macinati nel 2021, con una semola che presenta maggiori proteine rispetto ai grani convenzionali, – spiega Lorenzo Proserpio, Mastro Mugnaio della Cooperativa Girolomoni – inoltre l’indice di glutine è minore rispetto alle semole maggiormente diffuse di grano duro”.

 “In pasta siamo rimasti soddisfatti del comportamento avuto sia nel processo che nel risultato, per via del colore giallo brillante mantenuto, i profumi e la tenacità. A confermarcelo uno studio condotto dall’Università degli Studi di Milano del Dipartimento di Scienze per gli Alimenti, la Nutrizione e l’Ambiente che ha condotto prove tecnologiche sulla pasta prodotta con il grano Inizio, confrontandola con altre paste di semola di grano duro ed è risultata migliore in consistenza e tenacità.” commenta Daniela Bellini, Responsabile Qualità della Cooperativa Gino Girolomoni.

Il prossimo passo sarà moltiplicare il seme nelle aziende agricole socie della Cooperativa Girolomoni, arrivando a 1000 quintali di semente. Per la produzione della granella bisognerà attendere due anni, quindi nel 2024 si potrà contare su 500 ettari da seminare con Inizio. Questi numeri fanno riflettere su quanto i tempi della natura siano lenti: Per questo la Fondazione Seminare il Futuro continua a sperimentare anche altre varietà, non è che l’Inizio.

———–

Estesa sulla collina di Isola del Piano (Pu), la Gino Girolomoni è una cooperativa agricola impegnata nella produzione e commercializzazione di prodotti da agricoltura biologica. L’attività principale è nella produzione della pasta: il modello “dal seme al piatto”, con una intera filiera votata al biologico costruita in 50 anni di lavoro, rende la Girolomoni un caso unico in Italia e in Europa.

Erede dell’esperienza straordinaria di Gino Girolomoni, padre del movimento biologico in Italia che avviò la sua attività pioneristica nel 1971, la nuova generazione prosegue questa storia affascinante fatta di rispetto per la terra, valorizzazione del lavoro e promozione dell’agricoltura sostenibile.  

La cooperativa conta 30 soci e 70 dipendenti, oltre ai 450 agricoltori coinvolti nella filiera attraverso la cooperativa Montebello. Il sito produttivo comprende 80 ettari coltivati e lo stabilimento, alimentato ad energia rinnovabile, con mulino, pastificio e magazzini.  L’estero è il mercato principale: Girolomoni esporta oggi in 30 paesi, fra cui i principali sono: Francia, Germania, USA, Spagna, Australia e Giappone. La cooperativa è parte dell’ “ecosistema Girolomoni”, che comprende anche la Fondazione Girolomoni per la cultura, la cooperativa Montebello per l’agricoltura, l’agriturismo per l’accoglienza e il Consorzio Marche Biologiche per promuovere l’approccio di filiera e la necessità di fare rete. www.girolomoni.it

Moretti Comunicazione

Nicoletta Canapa

Tel. 071.2320927

nicoletta.canapa@moretticomunicazione.eu

Condividi